Psicologia pubblica, opinioni di esperti: un pericoloso desiderio di normalità e pessimismo

Psicologia pubblica, opinioni di esperti: un pericoloso desiderio di normalità e pessimismo

In poche ore, ci siamo trovati a soffrire di alfa e omega. L’entusiasmo per il rallentamento delle restrizioni è ancora una volta un incubo di blocco. Zona Gialla, acquisti natalizi, richiesta di rimborso, ristoranti aperti hanno spinto i cittadini in strada, creando incontri pericolosi. Il governo ha capito che in questo modo ci stiamo dirigendo direttamente verso una terza ondata, più catastrofica. Ma qual è l’impatto di questi messaggi contraddittori??

**** Iscriviti alla newsletter sul coronavirus

“Andate e consumate”, così l’appello allo svago è rivolto a tutti

La folla che la domenica ha riempito il centro cittadino, ristoranti, bar e negozi in una sorta di gioia “libera tutti” produce legittima confusione e ansia in chi legge i numeri della pandemia con la catena inarrestabile delle morti. Tuttavia, ciò non era difficile da prevedere e non può essere attribuito esclusivamente o principalmente alla temerarietà di chi crede che non sarà il suo ruolo. Se non c’è segno di diminuzione, nonostante il verificarsi di feriti e morti, allora il governo, sotto la pressione della maggioranza del parlamento e dei capi delle regioni, dichiara “gialla” gran parte delle regioni e incentiva a consumare con un rimborso in contanti, qual è il messaggio per i cittadini? Esci e consuma. Soprattutto se il messaggio arriva dopo un lungo periodo di astinenza e dopo Natale. Anzi, è anche possibile che accompagnare la chiamata al consumo con l’invocazione di una terza ondata sia peggio, per effetto di “ogni libertà” oggi, rischiando di incoraggiare le persone a prendersi tutte le loro libertà, perché non sanno cosa succederà domani. . L’obiettivo non è il raduno, ma piuttosto il prezzo da pagare, come le lunghe code per entrare in un ristorante che altrimenti sarebbe sconsigliato in tempi normali. L’obiettivo è avere un po ‘di libertà. Se tutti, o molti, vogliono fare le stesse cose negli stessi luoghi e orari, pazienza.

READ  NASA: Ecco il team di astronauti del programma Artemis, l'obiettivo della luna

infantile? Irresponsabile? Poteva. Ma parte della responsabilità risiede nei messaggi politici schizofrenici e principalmente dai governi nazionali e locali (scuole chiuse e consumo aperto compresi). E anche per la comunicazione che, invece di cercare responsabilità da parte di ciascuno, usa più di un linguaggio patriarcale di un sovrano assoluto: “Permettiamo, permettiamo, neghiamo”. Forse è anche per questo che, quando suona la campana delle vacanze, tutti si danno da fare per uscire dalla classe.
Shiara Saraceno (sociologa)

I morti non servono, accogliamo un cinese che si vergogna di lui

Le persone mediocri se ne accorgono e le persone intelligenti si aspettano. Proviamo la fascia media per chi affolla le vie dello shopping, altrimenti sarà un disastro. Non voglio fare un fascio di tutta l’erba, ma sono profondamente deluso di fronte a coloro che si accalcano nel fruscio della vita notturna cittadina perché speravo che 65.000 morti di Covid ci avrebbero insegnato qualcosa. Assistiamo invece a manifestazioni di cinismo di cui dovremmo vergognarci, a cominciare dalla beffa di chi non ha organizzato servizi adeguati nel sistema sanitario. Il cancelliere Merkel ha parlato alla nazione con voce tremante con meno morti di noi, mentre i nostri politici non hanno potuto nemmeno chiedere scusa per gli errori che sono stati commessi. Per non parlare dell’abuso della libertà dei cittadini. Le persone lasciano le loro case e prendono parte a folli raduni per esercitare una libertà incompresa. Senza capire che la libertà è espressione di responsabilità e rispetto come accade nell’amore. Invece, stiamo assistendo alla presa in giro di coloro che non si preoccupano di diventare un contagio per i più vulnerabili come gli anziani. Una posizione che nasce anche dal fatto che il lavoro e l’economia sono considerati più importanti di tutto il resto. Ma mi chiedo: come lavora un operaio, manager o commerciante malato? Bisogna capire che l’aspetto più importante è la salute. Assistiamo nei media alla presenza di massa di virologi ed epidemiologi a scapito di chi ha a cuore la dimensione psicologica delle persone. Quest’ultimo necessita di maggiori attenzioni, perché se continuiamo a non capire cosa emerge dai raduni, ci troveremo stupiti, domani, del rifiuto di molti di vaccinarsi contro il Corona virus proprio per il gusto dei maramu per lo stato.

READ  Quattro motivi per cui dovresti essere sempre cool

Polo Krypt (psicologo)

Testo compilato da Grazia Longo

Il desiderio di normalità ci confonde con la paura. Ma è molto pericoloso

Ci sono molte ragioni per cui le persone affollano i centri delle città. A partire dalla comunicazione non lineare delle istituzioni. Perché quando dai il via libera alle uscite, devi immaginare che questo porterà alla congestione. Inoltre, il desiderio di normalità, per riti come lo shopping natalizio, può essere molto potente, contribuendo a dare un senso di normalità a chi teme il Coronavirus. È una sorta di meccanismo di difesa che può diventare molto pericoloso. Allo stesso tempo, c’è un forte desiderio di libertà, legato soprattutto all’ansia, all’incertezza futura perché a causa della comunicazione non lineare da parte delle istituzioni, le persone tendono a sfruttare i permessi di uscita perché temono che non potranno più farlo nel prossimo futuro. Sfortunatamente, è sorta più confusione tra isolamento e solitudine. Se l’isolamento è utile, soprattutto per gli anziani, per difendersi dal virus, la solitudine è sinonimo di angoscia e imperfezione emotiva. Pertanto è imperativo rafforzare la rete familiare per evitare che l’isolamento diventi sinonimo di solitudine. Ad esempio, la tecnologia può aiutare come le videochiamate. Ma soprattutto bisogna ricordare che ciò che conta, più della quantità, è la qualità. Sempre senza tralasciare il significato più ampio di libertà: le regole sono per chi non sa organizzarsi. È chiaro che si devono evitare situazioni pubbliche irresponsabili. C’è bisogno di un maggior senso di responsabilità individuale a beneficio del gruppo. I giovani che si radunano nelle strade della movida non lo fanno per indifferenza verso i più deboli, ma per superficialità, per non assumersi responsabilità.

READ  Il freddo e la neve possono salvarci dall'epidemia. Ecco perché possono aiutarci »ILMETEO.it

Alberto Siracosano (Psichiatra)

Testo compilato da Grazia Longo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega