Quando viene eseguito un esame sierologico, quando è un test rapido e quando è necessario un tampone

Quando viene eseguito un esame sierologico, quando è un test rapido e quando è necessario un tampone

C’è grande preoccupazione ed eccitazione per l’emergenza coronavirus e spesso c’è molta confusione su quali test dovrebbero essere eseguiti per diagnosticare un’infezione da Covid-19 o forse determinare quale immunità è stata raggiunta. Spieghiamo quindi cosa tra i test disponibili fare, come funzionano, perché sono necessari e quando è un tampone obbligatorio.

Non tutti i test sono adatti a tutti i pazienti: alcuni si sono rivelati uno strumento importante per monitorare la diffusione della malattia, ma ognuno ha il suo scopo e il suo tempo per farlo.

Come funzionano i test per identificare il virus corona

Il test di benchmark per Covid-19 è un test Negozio molecolare: È molto sensibile e viene eseguito su materiale genetico virale che viene estratto con tamponi dal naso e dalla gola, viene eseguito utilizzando un tampone di cotone con un campione prelevato dalla mucosa delle prime vie respiratorie. Il tampone viene quindi processato in un laboratorio di biologia molecolare per determinare la possibile presenza di frammenti di RNA Sars-Cov-2. Il Test molecolare O “tampone” è il test di riferimento per la diagnosi di SARS-CoV-2.

Poi c’è un file Test sierologico Che, attraverso un esame del sangue, rileva gli anticorpi (IgA, IgG e IgM) prodotti contro il virus Sars-Cov-2. Questi test sono molto utili per stabilire quanto sia diffuso il virus in una comunità e fornire informazioni utili sulla salute pubblica.

Per questi due strumenti diagnostici fianco a fianco sono Test della saliva, Che funzionano come tamponi, senza la necessità di un esame che per molti è considerato invasivo e sgradevole. Finalmente io Test rapidi Test in cui un tampone faringeo viene elaborato dalla tecnologia di immunofluorescenza per rilevare le proteine ​​nucleari di SARS-CoV-2: una tecnica meno accurata ma più veloce e i risultati ritornano entro 30-40 minuti. Quindi può essere utile in determinati contesti, come il controllo rapido di più persone (ad esempio nei porti, negli aeroporti e persino a scuola).

READ  La scienza prevede che "arriverà una nuova grande epidemia"

Quale test e quando farlo

Il neutro Funziona in modo positivo Una recente circolare del Ministero della Salute Nelle persone che sono state a stretto contatto con persone risultate positive al tampone e dopo essere state isolate, sviluppano sintomi, anche se lievi. Per i pazienti asintomatici, un tampone non è obbligatorio, ma può abbreviare il periodo Quarantena. Chi non mostra sintomi, infatti, può uscire dalla quarantena con un test negativo, sia esso molecolare (tampone) o antigene 10 giorni dopo il contatto con risultato positivo confermato.

Se il risultato del test è positivo, diventa quarantena Isolamento a casaCioè, separazione fisica da tutte le altre persone (in un altro ambiente o in stanze diverse della casa). Se stesso Senza sintomi visibili L’isolamento dura dieci giorni, poi si può fare un nuovo striscio: in caso di risultato negativo si può uscire dall’isolante. La perdita del gusto e dell’olfatto, che può persistere nel tempo, è esclusa dai sintomi. D’altra parte, i professionisti sintomatici gravi sono trattati con maggiore attenzione dall’ASL e possibilmente dagli ospedali locali.

Quando i test rivelano Sars-Cov-2, fonte

sono Test sierologici È indicato se non sei stato in contatto con una persona positiva ma vuoi testare lo stato del tuo sistema immunitario: la presenza di questi anticorpi indica che il paziente è stato affetto o affetto da uno specifico patogeno. Il diverso momento in cui le diverse classi di anticorpi (IgM, IgA e IgG) compaiono e si sviluppano effettivamente sono un valido predittore per confermare un’infezione in corso o in passato. laggiù Omar anti2019-nCov, è l’anticorpo che compare per primo durante la risposta immunitaria ed è quindi un segno della presenza L’infezione è in corso. Il IgM anti2019-nCov, è l’anticorpo che appare nel siero dei pazienti dopo l’esposizione iniziale all’antigene (generalmente non più di 10 giorni), quindi la sua presenza indicaUna recente infezione. Il ispettore anti 2019-nCov, inizia a formarsi circa 15 giorni dopo l’esposizione iniziale all’antigene e quindi la sua presenza indica Si è verificata l’immunità Contro la malattia.

READ  Gli scienziati osservano un sistema solare molto strano che si muove con un ritmo insolito

I test sierologici sono infine suddivisi in test Velocemente (Come le dita), che indicano solo la presenza o l’assenza di alcune immunoglobuline nel sangue, e i test le quantità, Più sensibile e affidabile perché grazie al prelievo di sangue indica anche la quantità di immunoglobuline nel paziente.

Quanto sono affidabili i test

È bene che sia chiaro subito Test sierologico Non è fondamentale per diagnosticare un’infezione in corso, poiché l’assenza di anticorpi non esclude la possibilità di infezione in una fase precoce, con il relativo rischio che un individuo, nonostante il risultato negativo del test su un test sierologico, sia contagioso.

Pertanto, se l’esito positivo deve essere confermato con un tampone – attualmente a carico del Sistema Sanitario Nazionale e regolamentato dalla ASL o dall’ospedale – per verificare se l’infezione è ancora persistente, Un risultato negativo non vuole escludere la possibilità di infezione.

Dubbi nascono anche dai test rapidi: il Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova, diretto dal professor Andrea Crisante, ha inviato in Veneto i risultati di uno studio sul test rapido dell’antigene di Abbott. In base a 3 risultati positivi su 10, il risultato del test può essere negativo e continuare a diffondere l’infezione senza alcun controllo.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disabilitare il blocco degli annunci per riprodurre il video.

Disattiva l’audioDisattiva l’audioDisattiva l’audioRiproduci il suono


individuare

Attiva lo schermo interoDisattiva lo schermo intero

Il video non può essere riprodotto. Riprova più tardi.

aspetta un attimo...

Potrebbe interessarti...

READ  Un fossile di coleottero di 100 milioni di anni fa luce sull'antica famiglia degli insetti

Devi abilitare JavaScript per riprodurre il video.

I test rapidi non identificano tre positivi su dieci.

Anche nel Lazio, dove i test antigeni sono ormai sdoganati, il documento di Spallanzani sta ricevendo dubbi più seri sull’efficacia dei tamponi rapidi, questa volta Sd Biosensor: il test “Standard Q Covid-19 Ag” riportava una sensibilità molto bassa, 21,95%, inferiore. Molto superiore a quello dichiarato nella confezione del produttore, superiore all’80%.

Positivo Rocco Siffredi dimostra che i test rapidi falliscono

Galleria

  • Quando vengono eseguiti i test COVID-2?

    Quando vengono eseguiti i test COVID-2?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega